Breve storia della Reflessologia.
Perché breve è la storia della Reflessologia...

Pensavate che la Riflessologia Plantare arrivasse dagli USA? ci siamo… quasi.

William H. FitzGerald
Il Dott. William H. FitzGerald è considerato il padre fondatore della Terapia Zonale.
Precursore di quella che oggi chiamiamo Riflessologia del Piede, ma non ha mai parlato di piedi come oggi li interpretiamo, quindi non esistono mappe di riflessologia a lui attribuibili.
FitzGerald sta alla Riflessologia del Piede come Paul Cézanne sta al cubismo.

Le sue intuizioni lo portarono a dividere il corpo in dieci aree verticali che iniziavano e terminavano in corrispondenza delle dieci dita, lungo queste aree ravvisò collegamenti sensibili e dolorosi.

 storiareflex_05_2

Schema di FitzGerald, zone anteriori su un lato del corpo.
Entrambi i lati destro e sinistro sono gli stessi. Ogni riga numerata rappresenta il centro della rispettiva zona sulla parte anteriore del corpo.

Esempio:

  1. Dell’orecchio medio è Zona 4.
  2. Tube di Eustachio e dell’orecchio medio combinato sono nelle zone 3 e 4.
  3. I denti sono nelle rispettive zone come indicato da una linea che passa antero-posteriormente attraverso rispettive zone.
  4. I visceri sono nelle zone come rappresentato da una linea che passa antero-posteriormente attraverso rispettive zone.
  5. La lingua, palato duro e molle, e gli organi generativi sono in dieci zone, cinque su ciascun lato della linea mediana.

“Non sappiamo come funziona la Terapia Zonale, ma sappiamo che un gran numero di persone sono state aiutate e che nessuno può eventualmente essere danneggiato.”

storiareflex_05_3

Schema di FitzGerald, zone posteriori su un lato del corpo.
Entrambi i lati, destro e sinistro sono gli stessi. Ogni riga numerata rappresenta il centro della rispettiva zona sulla parte posteriore del corpo.
Esempio: la superficie inferiore della lingua è nella zona posteriore. Si osserva che il dorso della mano è la parte anteriore di detta area, mentre il palmo della mano corrisponde alla pianta del piede.
I risultati sono notevoli, le spiegazioni molto meno. Ovviamente, dal nostro studio di anatomia del sistema nervoso, possiamo facilmente apprezzare il fatto che non c’è collegamento concreto e diretto tra i nervi.
Tra alluce del piede destro e pollice della mano destra, eppure queste appendici sono così intimamente connesse, che se esercito una pressione su una particolare area della pollice destro aumenta il dolore di un callo sul piede destro o altre condizioni dolorose nella zona corrispondente del piede.
Stranamente la pressione su qualsiasi altra parte del pollice non lo fa. “Lo stesso vale per le varie aree in una delle narici, sia per l’orecchio sinistro che destro, in qualsiasi dito o punta del dito, sulla parte ossea di qualsiasi zona del corpo, situate in queste linee longitudinali, mostrate nei grafici nella Terapia Zonale.”

storiareflex_05_4

Sollecitando le articolazioni e le periferie degli arti, mani e piedi, con differenti strumenti che oggi, ma anche allora, potevano apparire ridicoli, come mollette per stendere i panni, elastici, pettini in alluminio da stringere nelle mani, pressioni con le dita, ma anche pinze chirurgiche per la lingua, sonde nasali, divaricatori per la faringe, lampade a raggi infrarossi combinati con Zone Therapy, otteneva analgesie e addirittura anestesie, anche se consigliava che gli strumenti medici fossero utilizzati solo dai medici.
Non stiamo parlando di un ciarlatano qualunque, era un medico specializzato in otorinolaringoiatria.
Attraverso pressioni sul palato duro e molle, sulle gengive, sulle mucose nasali, riusciva ad anestetizzare localmente i suoi pazienti per poterli operare.

 

Il dottor William Fitzgerald (1872 – 1942), prese la laurea in medicina presso l’Università del Vermont nel 1895.
Divenne capo del dipartimento di otorinolaringoiatria a San Francisco to Hartford, nel Connecticut.
Dopo aver praticato nel Boston City Hospital per due anni e mezzo si trasferì al centro di otorinolaringoiatria di Londra e di lì a Vienna, come assistente dei professori Politzer e Chiari, medici allora di fama internazionale altamente rispettati.
Nel 1913 per la prima volta portò i suoi risultati iniziali all’attenzione di altri professionisti nel suo campo.
Nel 1915 con un articolo di giornale, scritto dal dott. Edwin Bowers, pubblicato sulla “Rivista di Everybody “, dal titolo “Fermare il mal di denti premendo la punta dell’alluce”, il lavoro del dottor W. FitzGerald fu presentato davanti al grande pubblico, parlando per la prima volta di Zone Therapy.
Nel 1917, il dottor Fitzgerald scrisse “Zone Therapy o alleviare il dolore a casa”. Due anni più tardi, FitzGerald e Bowes ampliarono il testo pubblicando “Zone Therapy o curare dolore e malattia”.
Aveva scoperto che pressioni, quando applicate in determinati punti del corpo, possono creare intorpidimento, alleviare il dolore e migliorare le funzioni di alcuni organi.

storiareflex_05_11

La prima presentazione del libro che parla della Terapia Zonale fu fatta dal collega Dr. Bowers in un articolo apparso sulla “Rivista per tutti”. In questo articolo, il Dr. Bowers tributò un altissimo riconoscimento al dottor William H. FitzGerald, con cui aveva studiato per qualche tempo metodi e risultati.
Prima della pubblicazione di questo articolo, aveva affermato: “Il dottor Fitzgerald è una persona che incute rispetto, membro attivo della maggior parte delle società mediche americane.”
Come introduzione di altri articoli che appaiono nella rivista delle “Associazione delle Riviste Domenicali” e in “Everybody” il signor Bruce Barton, editore e critico di queste riviste, ebbe a dire:
“Per quasi un anno il Dr. Bowers mi aveva sollecitato a pubblicare un articolo sul notevole sistema di guarigione del dottor FitzGerald, tecnica denominata Terapia Zonale. Francamente, non potevo credere quello che si sosteneva a proposito della Terapia Zonale, né pensavo che avremmo potuto avere più lettori della rivista disposti a crederci.
Finalmente, un paio di mesi fa, sono andato a Hartford senza preavviso e ho trascorso una giornata nel reparto del dottor FitzGerald, ho visto pazienti che erano stati guariti dal gozzo, ho visto persone con gole e orecchie doloranti immediatamente alleviate dalla Terapia Zonale. Ho assistito a operazioni al naso ed estrazioni dentarie senza alcuna anestesia, solo con l’applicazione della tecnica analgesica della Terapia Zonale.
In seguito ho scritto a una cinquantina di medici che praticano in varie parti del Paese, che hanno sentito parlare della Terapia Zonale, la utilizzano per il sollievo di tutti i tipi di casi, anche per placare dolori da parto. Le loro lettere sono in archivio nel mio ufficio.”

Un medico sperimentando il metodo, era pronto a condannare la Terapia Zonale perché non era stato in grado di alleviare i dolori di un paziente reumatico. I dolori erano focalizzati sul lato esterno della caviglia, il medico afferrò la seconda falange del mignolo destro del paziente e premette con forza per alcuni minuti sulla parte superiore e inferiore dell’articolazione, il dolore persistette e il medico derise il metodo”.

storiareflex_05_12

Un allievo della Terapia Zonale sorrise e suggerì di premere i lati del dito, anziché la parte superiore e inferiore, fatto ciò, il dolore scomparve in due minuti.”
Il metodo del Dr. FitzGerald consisteva nell’applicare 
la pressione lateralmente alla falange.

storiareflex_05_13

“La crescita d’interesse per questo lavoro era più che incoraggiante. Dr. Fitzgerald e altri medici utilizzarono la Terapia Zonale nella loro pratica. Hanno avuto decine di lettere di pazienti che non hanno mai visto, ma che hanno scritto, esprimendo il loro apprezzamento per il sollievo garantito attraverso istruzioni da alcuni dei loro pazienti, o a seguito di alcuni suggerimenti da articoli nelle riviste.
“Ho ragione di credere che ci sono ora più di cinquecento medici, osteopati e dentisti, che utilizzando questi metodi ogni giorno, con piena soddisfazione per se stessi e i loro pazienti.”
Il primo libro del Dr. FitzGerald sulla Terapia Zonale è stata destinato per istruire 
i suoi pazienti per l’auto trattamento.
I benefici ottenuti attraverso la Terapia Zonale e la facilità di trattamento, si diffuse rapidamente 
indipendentemente dalle sue spiegazioni, tra i membri delle loro famiglie 
e gli amici, così come la comunità medica.
L’adozione del metodo utilizzato non comporta assolutamente nessun pericolo o sgradevoli risultati, e può essere un mezzo per allungare la vita e avere una buona salute.
Ho la speranza che il numero di coloro che possono essere inclini a imparare e praticare questi metodi su se stessi e sui loro familiari possono crescere e moltiplicarsi. Per questo è una grande idea e un utile inizio. ” (Terapia Zonale, alleviare il dolore e malattie con pressioni nervose, da Benedetto Lust, ND, DO, DC, MD, Benedict Lust Publications, New York, 1928.)
Come citato nel suo libro del 1917, il dottor FitzGerald dichiarava con enfasi: “Credo che sia più lo “shock” che la stimolazione, che produce l’effetto terapeutico”.
«Il sottoprodotto dello shock, che FitzgGerald crede di aver prodotto con effetto terapeutico è stato dimostrato attraverso la ricerca medica di Robert O. Becker, MD, di essere la corrente continua che genera lesioni, Brinkerhoff postula che lo “shock di tipo” sul punto riflesso attiva questo scariche elettriche dal cervello, chiamate “corrente di guarigione” dai ricercatori medici, che è la prima risposta del corpo per avviare la guarigione e la rigenerazione. Sulla base delle convinzioni di FitzGerald, che la scossa elettrica può essere virtuosa, MIR (Modern Institute of Reflexology), continua a sostenere che micro correnti amplificate oltre lo stimolo con massaggiatore del Dr. Riley, ad alta potenza a raggi infrarossi della luce laser o profonda-sonda “tipo di urto” lavoro sul piede, della mano e/o riflessi orecchio per più efficace attivare il DC di rigenerazione.
Forse adesso possiamo capire meglio alcuni dei motivi per cui le lampade a raggi infrarossi terapeutici sono stati combinati con Zone Reflex terapia dai Padri fondatori. Aggiungono energia, luce radiosa, in modo che l’equilibrio elettrochimico possa avere la garanzia che segue lo squilibrio di “shock-tipo” tecnica reflex?
FitzGerald morì a Stamford a settanta anni. Aveva praticato per venti anni a Hartford e poi era andato a New York. Fu il fondatore della clinica di otorinolaringoiatria al St. Francis Hospital. Ricordato per scoperte e procedure che considerava di grande importanza che chiamò “Pressure Anaesthesia”.
Applicando pressione su nervi in punti particolari, le operazioni potevano essere effettuate senza dolore. Per esempio, il nervo che controllava alcuni denti era sulla superficie nel pollice. Applicando tale pressione si poteva alleviare il dolore o consentire l’estrazione di un dente senza dolore.
Anche se forse sopravvalutato le possibilità di questo procedimento, il dottor FitzGerald non si sbagliava sulla sua efficacia in alcuni casi. Altri medici e dentisti s’interessarono e lo raggiunsero per esperimenti sfruttato la scoperta. Ha scritto un libro sul metodo. Nonostante lo scetticismo della Medical Society c’era chi giurava dell’efficacia dei suoi trattamenti. Il defunto J. Henry Roraback, a lungo leader repubblicano dello stato, è stato uno di loro.
Un membro della sua famiglia ha sofferto molto da neurite o qualcosa di simile. Trattato con delle pressione dal Dr. FitzGerald ha avuto sollievo dove altri trattamenti hanno fallito.
Il MIR (Modern Institute of Reflexology), ha costruito strumenti in acciaio inox, elettrici, sonde, bande, ganci, lampade e pettini, per l’applicazione sulle Zone Riflesse, rispettando così lo spirito pioneristico del Dr. Fitzgerald.
MIR Ricerca e Sviluppo Clinic hanno cercato di portare avanti l’opera di FitzGerald, per migliorare la tecnologia, del materiale percussivo e l’efficienza dei dispositivi radianti energetici utilizzati dal gruppo medico di FitzGerald che si sviluppò intorno al suo insegnamento.
L’Istituto vuole portare avanti tecniche esperienziali antiche e moderne, che si fondono in un pacchetto efficace in grado di offrire il recupero e una salute migliore per l’individuo, la nazione e il mondo.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione. Cliccando sul bottone ACCETTO dai il tuo consenso. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi