I Ching, il testo classico più antico della Cina

“Il tempo in cui apparve il “Libro dei Mutamenti” era il tempo in cui stava per finire il regno degli Shang, in cui la via del regno degli Zhou era in ascesa, Re Wen e il tiranno Di Xin si opponevano uno all’altro”(Yi Jing, Gran commentario, libri II, cap. 11 pag. 376 Adelphi)

Corso I Ching 6/7 Luglio 2019

L’I Ching è il testo classico più antico della cultura cinese

«All’uno il suo spirito appare chiaro come la luce del giorno, all’altro fosco come un crepuscolo, a un terzo buio come la notte. Colui che non ne è contento, non ha bisogno di farne uso, e chi non lo comprende ha presumibilmente qualche ottima ragione per non farlo.»
C.G. Jung


La storia, da Fu Hsi, Wen Wang, Duca di Zhou, Confucio
Conoscere il passato per l’attualizzazione dei classici.

I Ching, “Libro dei Mutamenti”, Yi Jing in cinese, è un libro di consultazione e strategia, consigliere discreto e profondo. Le risposte sono suggerite attraverso una simbologia che ne ha preservato il valore nei secoli. Dopo la Bibbia è il libro più venduto al mondo. Si compra, si regala, si cerca di consultarlo, ma senza una guida esperta i significati profondi rimangono incriptati nella sua simbologia. Se ne percepiscono i valori che rimangono sfuggenti. L’I Ching ci aiutano a passare la porta, iniziare cose nuove, passare dall’altra parte.

I Ching non sono divinazione

I Ching non danno il futuro della situazione, ma la chiave di sol, la colorazione, il “qi della situazione”. Leggere il qi è più difficile, ma sicuramente è più cinese. Agisce su tempi psicologici e non su tempi cronologici. Il mutamento è la sola legge immutabile dell’universo. L’Yi Jing sono le radici sia del taoismo che del confucianesimo. Il testo tradotto dal cinese, più comune in occidente, è quello di Richard Wilhelm, trascritto dall’edizione manciù i_ching_01di Zhu Xi, XIII° sec. d.C., edizione imperiale del 1713.


Wilhelm

Missionario cristiano protestante in Cina, parlando del rispetto per la cultura cinese, in una occasione ebbe a dire: «Sono trent’anni che sono in Cina, ma non ho battezzato nemmeno un cinese.» Allievo del maestro confuciano Lao Nai Hsuan, la traduzione risente notevolmente dell’influenza della cultura confuciana. I consulti che si ricevono presso lo Zu Center invece sono di orientamento taoista.
L’interpretazione avviene attraverso la decodificazione dei ba gua, otto trigrammi, base di studio anche dell’agopuntura e della Reflessologia Zu.


Fu Xi

Il testo cinese della leggenda dice che Fu Xi, i ba gua li aveva ravvisati sul dorso di una tartaruga uscita dal Fiume Giallo. Storicamente Fu Xi è stato un personaggio reale quanto l’Adamo biblico. Re Wen e il Duca di Zhou sono realmente esistiti, ma alla maniera di Achille e Rolando, compiendo molte più imprese da morti che da vivi.
Nessuno inventa l’Yi Jing, non rivendicato da nessun autore, si costruisce da se, come un grande patchwork che ci accompagna fin dalle sue origini. Perfezionandosi e auto assestandosi secolo dopo secolo.

Fine del regno degli Shang

“Il tempo in cui apparve il “Libro dei Mutamenti” era il tempo in cui stava per finire il regno degli Shang, in cui la via del regno degli Zhou era in ascesa, Re Wen e il tiranno Di Xin si opponevano uno all’altro”
(Yi Jing, Gran commentario, libri II, cap. 11 pag. 376 Adelphi)

  • Dinastia Shang I° Periodo XVII/XV° a.C.
    (Si scruta il futuro attraverso la divinazione)
  • II° Periodo XV/XII° a.C.
    (Generazione della scrittura)
  • Dinastia Zhou I° Periodo XII/VIII° a.C.
    (Formazione del testo)
  • 551 – 479 a.C. l’apporto di Confucio
    V/IV° a.C.
    (Creazione degli esagrammi)

Nel 1974 a Mawangdui, vicino a Changsha capoluogo della provincia dell’Hunan, nella Cina centrale, durante gli scavi di una tomba costruita nel 168 a.C. è stato rinvenuto un pezzo di seta largo 49 cm. e lungo 85 cm. Vi si trovarono scritti con inchiostro nero il testo dei 64 esagrammi dell’Yi Jing. Alcuni dialoghi tra Confucio e i suoi discepoli Sull’interpretazione del libro e brani di altri commenti. Questo manoscritto, insieme a un altro, scolpito su strisce di bambù e ritrovato agli inizi degli anni ’70 a Puyang, è uno dei più antichi reperti dell’Yi Jing oggi esistenti.

Alfredo_Consultazione_Yi_Jing_

Si organizzano corsi finalizzati a iniziare a decodificare la simbologia dei trigrammi e aiutare l’autonomia della consultazione del testo.

Previo appuntamento, si riceve per consulti sull’I Ching eseguiti personalmente dal Maestro Laozu Baldassarre.

Altri articoli che possono interessarti

Cerchi una soluzione alternativa per un problema di salute? Vuoi imparare a curare te stesso e chi ti sta vicino? Zu Center ti offre questo e altro ancora:

  • Diagnosi riflessologica e terapie personalizzate
  • Corsi di riflessologia per principianti e professionisti
  • Pubblicazioni e articoli

Contattaci subito per saperne di più!

Logo Zu Center

Zu Center
Via Pergolesi 29
20124 – Milano
Tel. 02 66.98.19.11 (chiama)
Fax: 02 66.71.64.55
Email: mail@zucenter.com

Zu Center
Via Sondrio 81 (MM Cascina Antonietta)
20064 – Gorgonzola (MI)
Tel. 324 74.74.557 (chiama)
Email: mail@zucenter.com

© 2019 Zu Center - Tutti i diritti riservati