Oncologia Pediatrica Reflessologia Plantare

Oncologia Pediatrica Reflessologia Plantare. Salvatore, arrivato dalla provincia di Agrigento, era stato operato nella parte alta della spina dorsale per un tumore. L’intervento “salvavita” lo aveva lasciato tetraplegico. Otto anni. Una mattina il padre mi chiese se potevo fare qualcosa per il piccolo Salvatore perché gli era venuto il mal di gola

 

Salvatore dalla Sicilia a Milano

Reflessologia Plantare Oncologia Pediatrica. Salvatore era stato operato nella parte alta della spina dorsale per un tumore. L’intervento “salvavita” aveva lasciato Salvatore tetraplegico. Otto anni. Una mattina il padre mi chiese se potevo fare qualcosa per il piccolo Salvatore perché gli era venuto il mal di gola.

Dalle spalle in giù Salvatore non aveva la percezione del suo corpo. Era paralizzato e gli viene il mal di gola? Ma contro chi dobbiamo imprecare? Immediatamente iniziai a massaggiare/messaggiare Salvatore, in corrispondenza dell’area riflessa della gola, per cercare di lenire il dolore.

Salvatore non percepiva il mio massaggio

Reflessologia Plantare Oncologia Pediatrica. Ovviamente Salvatore non sentiva il mio tocco sui piedi. Però mentre massaggiavo/messaggiavo anche altre aree, con attenzione mirata, toccai anche la zona riflessa che corrispondeva a quella dell’intervento chirurgico.

Riflesso galvanico

La reazione di Salvatore fu un’immediata rapida retrazione di tutta la gamba che stavo massaggiando. Chiesi se avesse retratto volontariamente la gamba, ma la risposta di stupore fu, come se volesse dirmi «Ma di che stai parlando?» Il piccolo non sentiva assolutamente nulla. Salvatore non percepiva assolutamente nulla a parte il mal di gola.

Grande stupore del padre e mio, miracolo? Alternativamente continuai a toccare le aree limitrofe e quella principalmente interessata per avere conferme. La conferma, senza dubbio, era che quando toccavo l’area riflessa della colonna vertebrale dove aveva subito l’intervento Salvatore retraeva la gamba, altrove no.

Cosa stava succedendo al piccolo Salvatore?

Reflessologia Plantare Oncologia Pediatrica. Non riuscivo a comprenderlo. Miracolo nemmeno a pensarlo, troppo lontano dalla grazia di Dio, affinché mi fosse concesso questo privilegio. A distanza di anni ricordo questo evento. Che poi ho studiato. Che ora applico con successo. Non ricordo nemmeno se la gola di Salvatore migliorò o meno, ero troppo preso da questa reazione neurologica. La parte ipotalamica del cervello riceveva informazioni che sicuramente interpretava come dolorose, ma non arrivavano a livello della corteccia cerebrale.

Salvatore e le risposte involontarie

Reflessologia Plantare Oncologia Pediatrica. Retraeva la gamba per un dolore che la parte serpente del cervello percepiva, ma non la corteccia cerebrale. In queste situazioni si ha una contrazione involontaria di muscoli volontari, senza che ve ne sia il controllo. Quindi è possibile far giungere informazioni al cervello bypassando il controllo delle stesso.

I sinonimi di bypassare sono: evitare, scavalcare, schivare, a me piace utilizzare sgambettare, forse rende meglio l’idea della situazione, un aggirare positivo, creativo, terapeutico.

Lo sgambettamento se gestito con perizia è di grande efficacia

Reflessologia Plantare Oncologia Pediatrica. Se un punto del piede è doloroso, risulta sgradevole essere toccato. Ma avendo due mani e potendo toccare in contemporanea anche un’altra zona del piede, o l’altro piede, il cervello riceve differenti informazioni in contemporanea e rimane spiazzato. Il massaggio sgambettante oggi per me è una costante del mio lavoro.

Fate tesoro di queste informazioni, non ne ho mai trovate in nessun testo. La moderna reflessologia aveva iniziato a fare i primi passi. Nuove esperienze, nuove scoperte, nuovo linguaggio. Un organo sofferente, manda messaggi alla parte ipotalamica del cervello, affinché possiamo assumere posture antalgiche involontarie.

Cambio di postura

L’informazione del cambio di postura. L’adattamento neuromuscolare è determinato dalla corteccia cerebrale che invia messaggi di contrazione e rilassamento ai muscoli volontari. Informazione, organo-cervello-piede, risposta, piede-cervello-organo. Il colore del cervello è grigio. La così detta materia grigia, non è ne bianco, ne nero, ne yin, ne yang, neutro.

Riceve informazioni le elabora e le ritrasmette. Cosa interessante e che le informazioni in entrata possono essere positive o negative per noi. Il cervello fa sempre di tutto per bloccare le negative e amplificare le positive.

Quest’amplificazione delle informazioni positive, sono quelle che fanno gridare al miracolo, e far apparire miracolistica la terapia riflessa. Oggi di Salvatore mi rimane il ricordo dell’evento. Le sue sofferenze e il souvenir di sughero della Valle dei Templi che il padre mi portò in dono dalla Sicilia.

L’eccitazione di Galvani

Era il 1781 quando Luigi Galvani, nel suo laboratorio domestico, aveva “preparato” una rana, con i nervi crurali e il midollo isolati, posta ad una certa distanza da una macchina elettrica. Durante lo scocco di una scintilla uno dei suoi assistenti toccò per sbaglio con un bisturi il nervo crurale interno della rana e ci fu un’intensa contrazione dei muscoli delle zampe dell’animale. Galvani rimase impressionato da questo evento e decise di approfondire e tentare di spiegare questo fenomeno.

Gli studiosi di quel tempo, e anche i successivi, ritennero che l’eccitazione di Galvani, alla vista delle contrazioni della rana, derivasse dalla sua ignoranza per i più elementari concetti di elettrofisica. Ma, a differenza degli altri, si era reso conto che vi era una relazione limitata tra l’intensità della carica elettrica e lo sviluppo delle contrazioni. Se la forza della scarica veniva aumentata oltre un certo valore non venivano prodotte contrazioni più forti.

Contrazioni muscolari date da una forza interna

Al contrario, quando si riduceva l’intensità dello stimolo al di sotto di un certo livello le contrazioni potevano cessare. Infine Galvani sottolineò che, se in alcune preparazioni non vi erano più contrazioni dopo ripetute applicazioni del fluido elettrico, queste si potevano riottenere se l’animale non era stimolato per un po’ di tempo o era sottoposto ad alcuni trattamenti.

Nella mente dello studioso bolognese era sorto il dubbio che le contrazioni muscolari non erano dovute a scariche elettriche esterne, ma derivassero invece da una forza interna, propria dell’animale, stimolata dalla forza elettrica esterna.

Altri articoli che possono interessarti

Cerchi una soluzione alternativa per un problema di salute? Vuoi imparare a curare te stesso e chi ti sta vicino? Zu Center ti offre questo e altro ancora:

  • Diagnosi riflessologica e terapie personalizzate
  • Corsi di riflessologia per principianti e professionisti
  • Pubblicazioni e articoli

Contattaci subito per saperne di più!

Logo Zu Center

Zu Center
Via Pergolesi 29
20124 – Milano
Tel. 02 66.98.19.11 (chiama)
Fax: 02 66.71.64.55
Email: mail@zucenter.com

Zu Center
Via Sondrio 81 (MM Cascina Antonietta)
20064 – Gorgonzola (MI)
Tel. 324 74.74.557 (chiama)
Email: mail@zucenter.com

© 2019 Zu Center - Tutti i diritti riservati