Varicocele…

Salve, mi chiamo Mario e pratico il Qi Gong dal ’90.
Ho scoperto di avere un varicocele che mi crea disturbi nella mia pratica, vorrei sapere se secondo lei è possibile una cura alternativa e non chirurgica.
Ringraziando anticipatamente porgo i miei saluti.

Mario


Namastè Mario.
Il dolore associato al varicocele è dovuto all’eccessiva pressione del sangue all’interno delle vene dilatate all’interno dello scroto. L’aumento pressorio e il dolore aumentano quando si sta in piedi per lunghi periodi, nell’attività sportiva o sollevando pesi.

Il tratto di una o più vene sta subendo una compressione ostruttiva.

La strada maestra è la rimozione di questa compressione che comunemente avviene a livello addominale: uno o più organi contenuti nell’addome sono aumentati di dimensione, aumento di aria negli intestini, aumento dell’adiposità addominale, jeans stretti, troppo tempo seduti… Il massaggio dell’area riflessa della circolazione linfatica addominale è uno dei primi interventi da seguire. Differenziando la diagnosi si orientano gli opportuni trattamenti.

Qualora il varicocele non arrechi disturbi soggettivi e non sia causa d’infertilità non è consigliabile alcun tipo di terapia chirurgica, potrebbe essere sufficiente indossare slip o boxer secondo dei casi.

Laozu Baldassarre

×