logo ZuCenter

Zu Center - Massaggi ai piedi, Riflessologia Plantare, terapie Naturali antalgiche

Reflessologia Plantare Zu, come fare un massaggio 10 e lode

Reflessologia Plantare Zu
Massaggio dei piedi e Reflessologia Zu sono cose diverse

Il piede si massaggia con tutte le dita con entrambe le mani

Massaggio professionale al piede

Reflessologia Plantare Zu, Il piede si massaggia con tutte le dita e con entrambe le mani. Le aree sensibili sono state identificate localizzando l’epicentro del dolore in relazione alle ossa e ai muscoli. Quando si riceve un massaggio professionale al piede, tutto l‘organismo ne percepisce immediatamente i benefici.

I massaggi sono mæssaggi (massaggio/messaggio). A differenza di altre tecniche di massaggio e tecniche reflessologiche, il piede è massaggiato nella sua globalità e il messaggio è inviato al cervello. Sollecitando quando necessario anche i meridiani energetici dell’agopuntura sul resto del corpo, anche con l’ausilio di strumenti non invasivi.

In generale, un trattamento di questo genere dura dai trenta ai sessanta minuti.

Le aree riflesse, nello specifico aree di massaggio, sono quelle particolari parti del nostro corpo che se giustamente sollecitate, determinano una reazione antalgica (scomparsa del dolore) o un recupero funzionale dell’organo in una zona diversa e lontana dal punto stimolato. In ogni parte del corpo ritroviamo proiettato l’intero sistema in maniera organica, precisa, logica, in tutte le sue proporzioni.

Reflessologia Plantare Zu, siamo un sistema vivente…

Siamo un sistema vivente inseriti in un ambiente. Da questo ambiente riceviamo informazioni di origine visiva, acustica, olfattiva, gustative e tattili, delle quali predominantemente ne abbiamo consapevolezza. Di altre informazioni, come raggi infrarossi o ultravioletti, ultrasuoni, onde elettromagnetiche e altre ancora non ne siamo coscienti.

Reflessologia Plantare Zu, informazioni piede cervello

Queste informazioni entrano nel nostro sistema vivente predominantemente attraverso gli organi di senso. Di qualunque origine siano queste informazioni: liquide, solide, gassose, tattili, olfattive, uditive, gustative… sono recepite dai recettori periferici che le trasferiscono al sistema nervoso centrale. Il Sistema Nervoso Centrale (SNC), le elabora, le metabolizza e le ritrasmette alla periferia. Un Reflessologo Zu eseguirà un massaggio professionale al piede, perché questa è la sua natura. 

Sto studiando o leggendo nella mia stanza. Sento il bisogno di un buon caffè. Vado in cucina e vedo la caffettiera sul fornello. Bene! Già pregusto il mio caffè. L’idea che a breve berrò un buon caffè già mi mette di buon umore perché una certa quantità di serotonina già è stata messa in circolo indipendentemente dalla mia volontà.

L’aumento della disponibilità cerebrale di serotonina porta buon umore, riduce l’ansia e l’aggressività e allevia il mal di testa; ecco perché i farmaci che aumentano la disponibilità cerebrale vengono ampiamente utilizzati nella cura della depressione, dell’emicrania e altro ancora.

Mi avvicino al fornello, allungo il braccio, per prendere la caffettiera, ma immediatamente lo retraggo con un movimento involontariamente veloce e spastico. La macchina del caffè scotta!Qualcuno di recente ha già preparato un caffè.

Non sono stato invitato a condividerlo. Taccio. Se faccio delle rimostranze probabilmente mi direbbero che non volevano disturbarmi mentre studiavo… E probabilmente avrebbero avuto ragione, quando sono impegnato a studiare non gradisco essere disturbato.

Mi sono avvicinato a questa benedetta caffettiera. I sensori delle mie dita hanno recepito una informazione termica di alta intensità, la caffettiera scotta! Rapidissimamente l’informazione attraverso il sistema dei nervi è stata trasmessa ai neuroni. Con altrettanta velocità mio cervello ha elaborato un film…

—Se ora cercherai di aprire la macchinetta per farti un caffè, tra pochi minuti ti ritroverai con un “manone gonfio così” perché la caffettiera scotta!—

Il cervello ha avvertito il pericolo

SisteMa Nervoso Piede-cervello -organo
SisteMa Nervoso Piede-cervello -organo

L’informazione di pericolo è stata recepita dal cervello, che la elaborata e ha trasmesso l’ordine di retrarre la mano dalla fonte di calore. Quanto è durato il tutto? Una quantità di tempo insignificante. Mi stavo avvicinando alla macchinetta dl caffè e in maniera assolutamente involontaria ho retratto la mano. Questo per far capire con quale velocità il nostro cervello riceve  informazioni, le elabora e le ritrasmette.

Reflessologia Plantare Zu, il massaggio non è solo un massaggio, è un messaggio al cervello

Quindi il mio massaggio non è solo un massaggio, è un messaggio al cervello della persona che ho di fronte. Assolve tutte queste funzioni un una ottica di vis medicatrix naturae. Il nostro corpo è una struttura auto guarente e non auto ammalantesi.

Quando tocco un piede il mio cervello sta elaborando informazioni in entrata. Sta decodificando le informazioni. Un massaggio professionale al piede di Reflessologia Zu percepisce se è freddo, caldo, umido, secco, elastico, rigido, squamoso, vellutato…

Tutte queste informazioni stammo raggiungendo il mio cervello, le elabora con incredibile velocità, determinando sempre risposte ottimali. La risposta sarà sempre orientata in direzione, profondità, velocità, pressione… che riterrà otimale.

Massaggio/messaggio “battito d’ali” il massaggio è un soffio

I piedi tra le mani di un Reflessologo Zú diventano un “podofono”. Il cervello riceve in contemporanea differenti informazioni. In questo caso l’informazione tattile si combina con quella acustica della musica. I piedi diventano strumenti dell’orchestra.

Suoni alti e bassi, veloci e lenti, si identificano con la tipologia del massaggio. Veloci e leggere, lente e profonde le informazioni interagiscono combinandosi all’unisono.

Il piede diventa una tastiera. I mæssaggi raggiungono i neuroni che all’unisono entrano in vibrazione generando una risposta elettrochimica. Questa a sua volta genera contrazioni o rilassamento. Il reflessologo modula di momento in momento il tipo di mæssaggio da eseguire in base alle reazioni della persona.

Secondo il tipo di terapia adottata le risposte dell’organismo sono sempre e solo proporzionali agli stimoli inviati. Il trattamento può essere eseguito in contemporanea con qualunque tipo di musica.

In questo caso l’effetto terapeutico è amplificato dalla contemporanea sollecitazione di diverse aree del cervello stimolate da fonti distinte, ma che risultano in piena assonanza vibrazionale La musica classica di Mozart risulta la più indicata…  

Massaggi per l’anima

Allo Zu Center i massaggi sono messaggi. Possono essere veloci, leggeri e superficiali, oppure lenti e profondi. In base alle reazioni della persona e al tipo di terapia adottata. In questo caso l’effetto terapeutico è amplificato. 

Ieri, oggi, massaggio dei piedi

All’inizio del mio cammino sulla via della Reflessologia Plantare,

il mio entusiasmo era tale che toccavo i piedi di tutte le persone che frequentavo.

Toglievo loro le scarpe se si dimostravano restie a farlo.

Non vedevo nient’altro che piedi.

Passò del tempo e un giorno presi coscienza

che la maniera di trattare i piedi non era più la stessa.

Non stavo più massaggiando piedi.

Stavo massaggiando piedi di persone.

Trascorse del tempo e riflettendo sul cammino percorso

mi accorsi che l’attenzione si era spostata.

Il lavoro mi appariva diverso.

Stavo massaggiando persone attraverso i piedi.

Il TAO è continua evoluzione.

Lavorare oggi mi porta a massaggiare/messaggiare

“l’anima” delle persone attraverso i piedi.